Single Blog Title

This is a single blog caption
30 Luglio 2021

TAGLIARE NASTRI E ALBERI

Spendere 700 mila euro per non risolvere un problema.
Spendere 700 mila euro di soldi pubblici per la propria campagna
elettorale.
Spendere 700 mila euro di soldi pubblici per avere una piazza che avrà
da sabato gli stessi problemi del mese prima, ma con meno alberi e meno
ossigeno. Mentre nei quartieri, considerati dal sindaco periferie di
seri B, l’erbaccia cresce alta e i buchi nelle strade e nei marciapiedi
diventano più profondi.
Il sindaco sceglie il giorno dopo l’Earth overshoot day per celebrare
l’abbattimento di alberi sani e la loro sostituzione con alberelli che
ci metteranno decenni per produrre lo stesso ossigeno, la stessa
frescura e ombra.


Inizia così la sua campagna elettorale, continuando a perseguire scelte
politiche che considerano l’ambiente solo come elemento da sfruttare per
guadagnarci. Non sarà un caso che quello stesso sindaco, senza
accorgersi del malaffare che gli girava attorno, ha votato un PGT che
colava cemento nelle aree verdi.
Il verde non è solo un colore per le bandiere. Il verde e l’ambiente
sono, oggi più di ieri, elementi da curare e salvaguardare. Smettere di
consumare suolo, differenziare anziché incenerire i rifiuti, piantare
alberi invece di abbatterli è ciò che ci permetterà di avere un futuro,
di avere una città sostenibile in cui è piacevole vivere, di avere
un’aria e una vita più sana. Per questo fra i candidati di Officina di
Cura Urbana c’è Filiberto Zago, ambientalista e rappresentante
gallaratese di Europa Verde.

Lo sperpero di soldi pubblici è però celebrato un po’ di nascosto. Il
sindaco sceglie certo casualmente il giorno in cui il combattivo
Comitato Salviamo gli alberi ha organizzato un altro evento, lo fa la
sera quando i pendolari che ogni giorno frequentano la piazza sono già a
casa, lo fa prima della presentazione dei suoi supporter per assicurarsi le presenze.


Siccome in piazza non può bannare le critiche come usa fare sui social,
evita di avere i cittadini intorno.